logo matrimonio andrea vanessa

LETTERA APERTA (anzi apertissima) AI SIGNORI

“LETTERA APERTA (anzi apertissima) AI SIGNORI:  CAIRO Urbano (Padrone di LA 7) e FORMIGLI Corrado (conduttore di PIAZZA PULITA)” PIAZZA “PULITA”???!

In questi giorni, abbiamo avuto fuori dal cancello della nostra Comunità due giornalisti, un uomo e una donna, che effettuavano riprese fuori dal cancello, per quanto possibile, su tutto l’interno visibile a occhio di telecamera, tentando di realizzare un contatto e possibilmente delle interviste coi ragazzi e le ragazze ospiti della nostra struttura!

Non che la cosa potesse crearci chissà quale problema, poiché la nostra Comunità è sempre aperta a tutti coloro che, onestamente, si qualificano ed esplicitano l’intento delle loro richieste!

Vi descrivo, invece, l’approccio avuto da parte di queste due persone, un approccio veramente surreale: ieri mattina sono stati trovati con la macchina – per quasi tutta la mattinata – fermi in un campo adiacente alla Comunità e, quando un operatore si è avvicinato per chiedere loro chi fossero e se avessero avuto bisogno di aiuto, la risposta data dai due, è stata che la macchina aveva un problema ed erano in attesa del soccorso stradale (il che, naturalmente, non era, assolutamente, vero)!!!

Poi, successivamente, hanno riferito, sempre senza identificarsi realmente, che erano due giornalisti e che stavano girando nelle Comunità della zona per raccogliere varie informazioni non meglio precisate (???).

Infine, ad un altro operatore, hanno detto di essere interessati alla recente visita del CT Mancini presso la Comunità, etc. e, nel frattempo, pur restando all’esterno del cancello, continuavano a filmare con le telecamere tutto ciò che accadeva, riprendendo l’interno della Comunità, compresi ragazzi e ragazze ospiti!

Incredibile! Solo dopo alcune ricerche sull’identità della giornalista, abbiamo saputo che apparteneva al team di “Piazza Pulita” (trasmissione in onda sul canale La7), giornalisti dunque a caccia di “articoli interessanti”, ma non necessariamente informativi.

Ma, mi chiedo: “Come può un giornalista pretendere di informare correttamente il pubblico se, a sua volta, volutamente e intenzionalmente mente sulla sua identità e sulle sue intenzioni?!!!”

Infatti, dopo due giorni di appostamenti con registrazioni e riprese furtive fuori dal cancello, hanno dichiarato di essere giornalisti, giunti sul posto poiché avevano avuto non meglio precisate notizie negative sulla Comunità!

Visto! Facile argomento per far presa e intrattenere lettori e telespettatori, andando alla ricerca di notizie rumorose, tendenziose e mistificanti! …sembra che, ciò che conti realmente a questo tipo di giornalismo rumoroso, non sia il percorso dei ragazzi e la loro salute, ma il creare uno scoop volante del momento!!!

 –

Naturalmente, non possono sapere che la Comunità Shalom è stata girata e rigirata in questi anni, come si dice in gergo popolare, “come un calzino”, sia dai Tribunali, sia dalla Guardia di Finanza, sia dalla Polizia, etc.! …e che sono state messe telecamere, a nostra insaputa, che hanno registrato in modo ampio le aree della Comunità dove si svolgono le attività dei ragazzi e delle ragazze ospiti!

Di questo ringrazio il Signore, perché non tutto il male vien per nuocere! E per noi, quanto accaduto, è diventato un modo per mostrare apertamente a tutti, non solo la falsità delle accuse, ma la serietà e la correttezza a garanzia dell’operato proprio della nostra Comunità. Questo fatto, l’essere finiti sotto accusa e sotto stretto monitoraggio, paradossalmente ci ha procurato un mondo di bene.

La nostra realtà, totalmente gratuita, sia per i familiari degli ospiti che per lo Stato, e con oltre duemila volontari, suscita molte invidie e gelosie. Talora, infatti, siamo oggetto di cattiverie, soprattutto da parte coloro che vengono messi alla porta per la loro ambiguità personale ed etica e per l’utilizzo volutamente strumentale della Comunità, al fine dell’ottenimento di vantaggi secondari e di immagine sociale.

Tranquilli, signori Cairo e Formigli, so che “Voi siete Voi”, e “noi… siamo nulla”!

Tuttavia, non mi rivolgo a voi con atteggiamento reverenziale, semplicemente perché, per noi, non esiste nessuna ragione per nascondere alcunché!!! Il male, e soprattutto la menzogna, per loro natura, si nascondono sempre dietro l’anonimato. Si mascherano sempre…

Questa mistificazione, per voi, è forse informazione?!!!

Ricordo quando, anni fa, partecipando ad un convegno a Roma sui problemi che le comunità terapeutiche potevano incontrare nel territorio, rimasi impressionata da ciò che disse un giornalista (Burkard K. Muller), segnandolo sui miei appunti:

Voi, delle comunità terapeutiche, raccontate a noi giornalisti le vostre esperienze… ma, non crediate che ciò possa cambiare il metodo di lavoro del giornalista, cioè di scrivere solo quello che pensa”.

E J. Moltman sostenva: “Soltanto chi è in grado di trattenersi, fa esperienza di qualcosa… soltanto chi mangia e beve lentamente, sa gustare ciò che mangia e beve!”

Con questa metodologia d’“indagine giornalistica”, il cui scopo principale non pare quello di dare informazioni corrette ma di fornire notizie volutamente “spettacolari”, è facile mettere alla gogna o in ridicolo le regole di una qualsiasi comunità.

Questo, secondo il mio modesto parere, carissimi dott. Cairo e dott. Formigli, la ritengo una violenza ed un sistematico abuso, non tanto nei confronti della Comunità stessa, ma delle singole persone presenti: ospiti, operatori e volontari!

Mai, la Comunità Shalom, e ripeto mai, ha alzato barriere verso l’esterno, anzi, nella nostra Comunità, ogni anno, vengono accolte migliaia di persone e, proprio in questi mesi, siamo frequentati da numerose scolaresche che, peraltro, alcune soggiornano e pernottano da noi anche più per giorni!!!

Mi chiedo:

  • “fino a che punto si può spingere il Vostro diritto di giornalisti? Potete davvero filmare tutto e tutti …compresi ragazzi e ragazze affetti da disturbi psicopatologici, minori, soggetti sotto protezione da parte dei Tribunali, etc.”?
  • “Voi giornalisti, potete superare e violare le categorie del permesso / non permesso?”
  • “La vostra modalità d’azione, è o non è, una compressione e una violenta azione a danno della libertà e della sicurezza altrui?”
  • Signor Cairo, se lei avesse un figlio/a in comunità, manderebbe una troupe televisiva a riprenderlo/a dal cancello, per poi sbatterlo in pasto ai Media?!!!
  • Signor Cairo, dato che sembra essere il proprietario di questo canale televisivo così invasivo… abbiamo si o no, come Comunità, il diritto-dovere di proteggere tutti i nostri ospiti?

 

Non è un affare politico… l’obiettivo principale di tale vostra modalità non mostra alcun rispetto della dignità dei nostri giovani, affetti da gravi problematiche psicopatologiche e di dipendenza… e, neanche, sembra comprendere i gravi motivi per cui queste persone sono state accolte e inserite in Comunità.

Sembra che il vostro obiettivo dominante sia semplicemente fare i “sabotatori scandalistici” (tanto per essere educata), usando la fragilità dei ragazzi, per dar vita ad uno spettacolo da dare in pasto ai Media, a prescindere, naturalmente, dalla realtà dei fatti!

Ah… è proprio vero il famoso detto: “Ad astra per aspera”, si raggiungono le stelle attraverso le asperità.

Cari signori Cairo e Formigli, per noi Comunità Shalom l’obiettivo dominante, al contrario di Voi,  rimane la riabilitazione dei nostri giovani nel pieno rispetto della loro dignità … Pur attraverso regole e modalità relazionali non sempre facili e indolori, in quanto, quando ogni limite – nella vita antecedente al percorso comunitario – era stato ampiamente superato e rifiutato… e tutto era permesso, la Comunità si trova spesso a fronteggiare condizioni e situazioni altamente critiche e dolorose, e, pertanto, non può presentarsi come un villaggio vacanze, ma come un luogo dove il progetto, l’impegno e la fatica, seria e continuativa, sono gli ingredienti essenziali!!!

Nonostante i vostri metodi arroganti e prevaricatori, con atteggiamenti da inquisizione mass mediatica, noi continueremo, finché Provvidenza vorrà, ad operare con fermezza, in gratuità e amore!!!

                                    Suor Rosalina Ravasio

Altre Lettere scritte: 

Commenti

6 Commenti

  1. Alessia

    Suor Rosalina sempre al top; questi qui non li chiamerei giornalisti ma guardoni (mi sembrano quelli che spiano dal buco della serratura).
    Dopo tutti questi anni non hanno ancora visto e capito come opera la comunità shalom.
    Saluti dagli amici (Tony e Franca e famiglia) di
    padre massimo rastrelli

    Rispondi
    • Cecilia

      Cara suor Rosalina, ho letto la sua lettera “apertissima” e mi domando, come sia possibile che dopo aver avuto le telecamere della polizia “a suo dire senza saperlo”, senza avere esiti negativi,
      -> come è possibile che in pochi giorni una giornalista è riuscita a documentare tante cattiverie? è vero che ha usato l’inganno e l’anonimato, ma non poteva avvenire in altro modo una registrazione di tali atteggiamenti.
      Lei gestisce una struttura delicata, UNA COMUNITÀ CHE AIUTA RAGAZZI/E CHE SÌ HANNO SBAGLIATO, MA SONO IN UNA SITUAZIONE DI FRAGILITÀ, CHE APPUNTO LI HA SPINTI ADDIRITTURA AD ABBANDONARE LA PROPRIA LIBERTÀ (COSA PIÙ PREZIOSA IN ASSOLUTO) PUR DI STARE MEGLIO, la sua comunità lì ospita assicurando un luogo di pace e serenità per il tempo necessario a star meglio, ma non può essere una condanna a 20 anni, lei ha l’obbligo di integrare e non isolare a suo vantaggio persone fragili che può plasmare come meglio crede.
      Spero questo messaggio venga pubblicato.
      Buona giornata e che dio le stia vicino in questo momento

      Rispondi
  2. Cristina Franzin

    Carissima Suor Rosolina,pur di fare/Dare notizia,questi sedicenti giornalisti (?),a questo punto dubito della loro qualifica ,utilizzano tutti i modi possibili immaginabili,pur di assurgere alle cronache!
    Quando squallore per questo tipo d’informazione.
    E quanta gratuita’ Benevolenza ,capacità d’aiuto per questi giovani che in shalom trovano equilibrio e la strada per vivere in modo onesto .
    Grazie suor Rosolina per il tuo operato e la tua tenacia nel portare avanti la comunità.

    Rispondi
  3. Carlo

    Spero che Cristo non sia usato come forma di prevaricazione, Cristo è amore

    Rispondi
  4. Pietro neotti e ferracina marinella

    Cara suor Rosalina,
    nulla potra scalfire il bene che e stato fatto Nella sua COMUNITÀ e che possiamo personalmente confermare dopo 11 anni di frequentazione.

    Rispondi
  5. Giovanna fornasier

    Carissima s.Rosalina e tutti volontari e amici e ragazzi accolti… persone che vivete la quotidianità …sono unità a voi….conosco questo modo di fare giornalismo, vissuto in prima persona…sto attendendo che i giornalisti prima di SCRIVERE un articolo sulle comunità vengano a fare un mese di servizio e poi…forse…saranno in grado di esprimere un parere…si infilano con l inganno e non vanno oltre
    il proprio naso …emi chiedo… perché da così fastidio la Cristo terapia? Chiedetevelo autori della cultura….chi è in grado di guarire le profonde ferite interiori che i RAGAzzi si portano dentro?
    Cristo si…
    Cristo è stato crocifisso… è vero… questa è solo la prima mezza verità il completamento e che Cristo è risorto.
    Con stima
    Giovanna

    Rispondi

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ragazzi in comunita'

Case

volontari

Anni dalla fondazione

Rimani in Contatto

Luogo: Via Raspina n.3, Palazzolo sull’Oglio, Bs 25036

Telefono: 030 – 730 1741

Email: shalomreginapace@gmail.com

 

Comunità Shalom

“Comunità di vita” che si occupa dal 1986 della riabilitazione e reinserimento sociale.