logo matrimonio andrea vanessa

“SIAMO UNA PREDA BRAMATA….!!!”

Scritto da Suor Rosalina
Aprile 16, 2023

“ SIAMO UNA PREDA BRAMATA….!!!”
dobbiamo mantenere, tuttavia, la nostra autentica libertà.

Se desideri leggere la lettera in PDF , clicca qui.

Non poniamo limitazioni per l’ammissione ad alcuno al nostro programma riabilitativo e, accade persino, che possiamo riammettere qualche recidivo quando ci sono condizioni particolari, previa riadesione al consenso informato proposto dalla struttura.

Il nostro scopo non è solo quello di “disintossicare” dalle varie sostanze il soggetto, offrendo un ambiente “libero” dalla droga e da quanto appartiene a questo mondo, ma in modo particolare, di incoraggiare lo sviluppo delle responsabilità” sia a livello personale che di gruppo” .

Intendiamo eliminare nel ragazzo/a le basi del suo senso di inferiorità, di scarsa stima personale,   e di vergogna; riacquistando, di contro, dignità e promuovendo una forte evoluzione oltre il disordine, e la confusione mista a violenza, che erano proprie del loro stile di vita precedente.

Il nostro intento è sviluppare in loro un nuovo equilibrio, una nuova armonia, nel tentativo di ricreare, possibilmente, anche una relazione più umana nell’ambito familiare e sociale; considerato il livello di alta conflittualità espressa con frequenti agiti violenti, distruttivi e devastanti; fenomeni molto comuni nella nostra realtà contemporanea.

Tale intento, proprio di codesto percorso riabilitativo, è un fattore “vitale” per raggiungere gli scopi veramente rieducativi, anche se il programma per raggiungere tali obiettivi si svolge in un tempo molto più lungo rispetto ad altri percorsi ed analoghi programmi!

Certo che, per raggiungere un tale fine, si richiede un’azione partecipativa interna molto impegnativa e complessa, vista la varietà di casi e delle patologie dei soggetti ospitati.

E, tanto per smentire le scemenze dette su di Noi, non c’è una separazione in termini di valore  umano tra i componenti dello Staff e gli Ospiti.

Vivono insieme, mangiano insieme, lavorano insieme e soprattutto, hanno PARITÀ DI DIRITTI!!! Ma, certamente, la dimensione pedagogica interna comprende anche l’intento educativo, finalizzato allo sviluppo della consapevolezza circa la propria persona, i propri agiti, e la conseguente responsabilità personale diretta.

Molti di quelli che chiedono di entrare, hanno già passato gran parte dei loro anni in precedenti Comunità, quindi, i confronti dello stile di vita e di modalità educative li fanno già gli stessi ragazzi!

È inutile dirvi, purtroppo, che gli utenti di questi anni presentano, sia a livello mentale che fisico, più sintomi patologici con gravi disfunzioni psicologiche-psichiatriche.

Tra queste disfunzioni psicologiche/psichiatriche si presenta, molto frequentemente il DISTURBO NARCISISTICO DI PERSONALITÀ, disturbo che si è manifestato in modo eclatante, per citare un caso recente di cronaca nera, in Benno Neumair.

Dal caso complesso sappiamo che ha avuto diversi ricoveri e tutti i suoi sintomi, che permangono pure oggi (la cronaca riferisce che, anche in carcere avrebbe sferrato un pugno ad un nuovo compagno in cella).

 Queste modalità comportamentali sono legate, o meglio, originate, scrivono gli esperti: da un Disturbo della Personalità con aspetti narcisistici, antisociali e passivo-aggressivi.

Capito?

Come queste persone, ce ne sono tante: si presentano simpatiche, seduttive, bellocce (vedi Benno), performanti, affascinanti, nonostante non prestino alcuna attenzione e rispetto verso i bisogni degli altri!

Tali diagnosi vengono riconosciute solo dopo “gravi e drammatici eventi!!(purtroppo…a cui seguono puntualmente fiumi di bla bla da parte dei tuttologi di turno)

In questi soggetti la tendenza alla manipolazione e alla costante menzogna è pervasiva! Eppure Benno fu sottoposto a numerose visite valutative circa il suo stato di salute mentale da parte di servizi pubblici:

Ma dove erano gli esperti, chiamati a valutare tale pericolosità ed a TUTELARE, DA TALE PERICOLOSITÀ, LA FAMIGLIA??!

Dov’era la tutela della FAMIGLIA?!

Difficile, vero, cari TUTTOLOGI dare la risposta giusta?

Si! Per questi individui che si presentano all’apparenza così sicuri, arroganti, dominatori, fascinosi e grandi affabulatori, oltre che, come costante, MANIPOLATORI…!!!

Per questi soggetti l’unico scopo è CENTRARSI ESCLUSIVAMENTE SU SE STESSI!!!

La diagnosi di DISTURBO NARCISTICO di PERSONALITÀ è drammatica quando esplode ed è LA PIÙ DIFFICILE DA RICONOSCERE!!!

Inoltre, è difficile da CURARSI, perchè?

Semplice, semplice, la loro caratteristica è LA SCARSA ADESIONE ad un qualsiasi progetto terapeutico!!! Hanno un senso grandioso di sé con costante bisogno di ammirazione e di soddisfacimento immediato delle proprie enormi aspettative!!!

In Comunità di queste personalità ne abbiamo avute, ne abbiamo e ne avremo, visto come la società li ricerca e li “esalta”(vedi i Social Media e i vari programmi televisivi)!!!

Avrete certamente sentito, nel programma “Piazza Pulita” la grave allusione sminuente rispetto all’esito del precedente processo nel quale la Comunità era stata coinvolta.

È incredibile la mancanza di rispetto nei confronti di chi ha indagato attentamente, duramente e minuziosamente, impegnato nell’opera di far chiarezza nel contesto della Giustizia!!!

A tal proposito si rende necessario sottolineare che le motivazioni sono state scritte nelle 73 pagine, ripeto 73 pagine della sentenza definitiva!!!

La dichiarazione ascoltata, nel programma di giovedì 13. Aprile 2023, che definisce “farsa” il processo, la riteniamo altamente offensiva ed inaccettabile!!!

Chi ha pronunciato quella frase, magari è uno di quelli che andavano a spasso, saccheggiando… con la macchinona altrui…, sapendo che utilizzando quella macchina era ben protetto e sicuro …mentre la “Shalom” con tutte le famiglie, gli ospiti ed i volontari era crudamente sbattuta alla gogna su ogni prima pagina di giornale per 6/7 anni consecutivi!!!

Pertanto, alla luce di quanto sopra, queste persone dovranno essere smascherate definitivamente, considerata la loro non credibilità, e per evitare alle famiglie e alla società tutta che “piccoli Benno crescano”.

Facile, curare solo a parole, più difficile educare veramente!!!

Viva la parola di Dio sempre e comunque.

Proverbi 27,6 “sono meglio le ferite di un amico che i baci di un nemico”.

 Suor Rosalina

Altre Lettere scritte: 

Commenti

1 commento

  1. Lara

    Conosco la comunità da 36 anni e l’orrore col quale descrivono la mia amata suora e la sua comunità è veramente uno schifo! Vergognatevi… ho visto infinità di ragazzi e ragazze uscirne trasformati! Ci sono casi umani veramente difficili e la suora li vorrebbe tutti salvi con l’amore di madre! Ma per favore… non dite sciocchezze! La provvidenza che ha sempre contraddistinto la shalom anche questa volta interverrà ! Ne son certa!…

    Rispondi

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ragazzi in comunita'

Case

volontari

Anni dalla fondazione

Rimani in Contatto

Luogo: Via Raspina n.3, Palazzolo sull’Oglio, Bs 25036

Telefono: 030 – 730 1741

Email: shalomreginapace@gmail.com

 

Comunità Shalom

“Comunità di vita” che si occupa dal 1986 della riabilitazione e reinserimento sociale.